Cosa significano gli anelli olimpici?.

I Giochi Olimpici sono tra gli eventi sportivi più attesi e valutati al mondo. Il loro attributo principale è facilmente riconoscibile: cinque anelli multicolori. Come è successo? Cosa significano gli anelli olimpici?

Possiamo approfondire questo problema nei seguenti aspetti principali:

Allora, come sono apparsi i cinque anelli olimpici?

La storia dell'apparizione degli anelli olimpici

Il simbolo considerato dei Giochi divenne noto per la prima volta alla comunità sportiva in generale nel 1920. Da allora, ha invariabilmente accompagnato tutte le Olimpiadi invernali o estive. Ufficialmente, gli anelli sono usati come elemento della bandiera, basati su un panno bianco, che è stato a lungo associato alla negazione della guerra e della pace. Come sapete, nell'antica Grecia, durante i Giochi Olimpici, che divennero il prototipo diretto di quelli moderni, cessarono tutte le ostilità tra le politiche belligeranti (i cui rappresentanti condussero poi negoziati di pace ad Olimpia).

L'idea di completare la bandiera bianca associata al mondo con anelli multicolori appartiene al barone Pierre de Coubertin, lo stesso uomo che ha inventato alla fine del XIX secolo per organizzare le competizioni mondiali, la cui storia risale a tempi antichi. Nel 1913, gli artigiani dell'atelier Bon Marche, con sede a Parigi, realizzarono il primo esemplare della bandiera olimpica. Fu presentato al pubblico nel 1914 alla Sorbona in occasione della celebrazione del 20° anniversario del movimento olimpico ripreso da Pierre de Coubertin.

Il piano originale era di utilizzare la bandiera a cinque anelli ai Giochi del 1916. Ma a quel punto scoppiò la prima guerra mondiale, a causa della quale era impossibile organizzare competizioni. Tuttavia, già alle Olimpiadi di Anversa del 1920, i nuovi simboli furono presentati come ufficiali.

L'intreccio di cinque anelli colorati è un concetto inventato da Pierre de Coubertin, secondo alcune fonti, influenzato dagli attributi dell'Union des sociétés françaises de sports athlétiques, USFSA, guidata dal celebre personaggio stesso. Il fatto è che l'emblema di questa istituzione consisteva in due anelli (rosso e blu), che venivano messi insieme.

Si può notare che l'emblema USFSA faceva parte della struttura del logo del Comitato internazionale francese (Le Comité français interfédéral, CFI), che in seguito divenne la Federcalcio francese. Di seguito è riportato un esempio di posizionamento dell'elemento corrispondente sull'abbigliamento degli atleti.

Il simbolismo USFSA denotava la formazione dell'Unione da parte di due distinte associazioni attive in Francia: l'Union des Sociétés Françaises de Course a Pied e il Comitato per lo sviluppo dell'educazione fisica (Comité pour la Propagation des Exercises Physiques). A loro volta, i colori blu e rosso nell'attributo USFSA sono stati influenzati dalle corrispondenti sfumature presenti nella bandiera nazionale francese.

Allo stesso tempo, c'è un'altra versione - secondo la quale Pierre de Coubertin ha creato il simbolo olimpico in una forma familiare, avendo visto immagini simili su oggetti greci antichi.

Il contenuto semantico del principale attributo olimpico

Cosa significano i cinque anelli olimpici, utilizzati come attributo principale dei Giochi moderni?

Il fatto che ci siano esattamente 5 anelli sulla bandiera olimpica, gli storici associano al desiderio di Pierre de Coubertin di unire i simboli di diverse nazioni su un comune panno bianco. Quindi, i colori giallo e blu designavano la Svezia (le stesse tonalità sono presenti sulla bandiera nazionale di questo paese scandinavo); blu e bianco - gli Stati Uniti e diversi stati europei, sui cui attributi ufficiali, rispettivamente, sono indicati i colori; giallo e rosso - Spagna, Brasile, Australia, Cina e Giappone. Ricordando come appaiono le bandiere di questi paesi, vedremo che hanno elementi gialli o rossi - e nel caso della Spagna, entrambi.

Successivamente, il simbolismo delle Olimpiadi in termini di sfumature dei 5 anelli ha ricevuto ulteriori interpretazioni. Consideriamoli in modo più dettagliato.

La suddetta interpretazione dei 5 anelli olimpici come riflesso dell'unità competitiva delle nazioni del mondo fu considerata fondamentale fino al 1951 - fino a quando il Comitato Olimpico Internazionale decise che gli elementi corrispondenti della bandiera dei Giochi dovessero essere associati non con i paesi, ma con i continenti. A proposito, nel 1931, Pierre de Coubertin, come evidenziato da alcune fonti, ha parlato della necessità di interpretare in questo modo il contenuto semantico di 5 anelli.

È vero, il fondatore del moderno movimento olimpico non ha specificato a quale continente dovrebbe corrispondere ciascuno degli anelli. Almeno, non ci sono informazioni pubbliche generalmente accettate che riflettano inequivocabilmente l'opinione di Pierre de Coubertin su questo argomento.

Secondo l'interpretazione non ufficiale della corrispondenza degli elementi marcati della bandiera olimpica ai continenti, il blu sta per Europa, il giallo sta per Asia, il nero sta per Africa, il verde sta per Australia, il rosso sta per America, contemporaneamente Nord e Sud. Più diffusa, invece, è la versione secondo la quale le sfumature indicate degli anelli olimpici sono presenti in un modo o nell'altro sulla bandiera di stato di qualsiasi paese del mondo.

In generale, la combinazione di colori e la disposizione reciproca degli anelli quando si utilizza l'attributo corrispondente dei Giochi nell'ambito della competizione non cambia. Ma a volte è possibile adattarli ai concetti tematici utilizzati dagli organizzatori delle Olimpiadi. Ad esempio, alla cerimonia di apertura dei Giochi invernali di Sochi nel 2014, gli anelli sono stati decorati sotto forma di identici fiocchi di neve bianchi - uno di questi, come sai, non è stato rivelato in un momento cruciale per motivi tecnici. Allo stesso tempo, c'era un plesso tra loro, e una condizione simile per l'uso del simbolo olimpico in questione è considerata, come credono molti esperti, incontrastata, obbligatoria in tutti i casi.

Allo stesso tempo, l'esecuzione a un colore degli anelli olimpici è praticata abbastanza spesso: ad esempio, nella produzione di souvenir, nell'impaginazione di vari bollettini tematici e nei media. Allo stesso tempo, il CIO non ha obiezioni pubbliche a tali formati per l'utilizzo dell'attributo principale dei Giochi. Secondo storici ed esperti dello sport, ciò potrebbe indicare l'adesione di questa organizzazione all'idea di unità, uguaglianza delle nazioni del mondo, indipendentemente dalle probabili interpretazioni del significato dei fiori negli anelli olimpici.

.